• by Admin on 28 settembre 2012 in Video, Carne, In evidenza<br />2 comments
  • by Admin on 22 ottobre 2013 in In evidenza, Letture, Riflessioni<br />no comments
  • by Admin on 21 novembre 2011 in Video, Documentari, In evidenza<br />4 comments
Se volete migliorare le vite degli animali sul nostro pianeta, diventate Vegan. Togliete il vostro sostegno a compagnie che traggono profitto dallo sfruttamento degli animali. Rifiutatevi di mettervi a posto la coscienza coi loro mediocri tentativi di far sembrare la loro industria più umana. Rifiutate l'inumana crudeltà, la tortura e l'assassinio che sono intrinseci nell'industria dell'allevamento e in ogni industria che sfrutta gli animali.
1
giu

Melanie Joy – Perchè amiamo i cani, mangiamo i maiali e indossiamo le mucche

Melanie Joy – Perchè amiamo i cani, mangiamo i maiali e indossiamo le mucche

Un libro altamente significativo che potrebbe cambiare il modo in cui la società si pone sulla questione del mangiare gli animali.

Contro l’ideologia del carnismo. Un processo alla cultura della carne e alla sua industria.

Molti di noi inorridiscono al solo pensiero che a tavola ci possano servire carne di cane o di gatto. Il sistema di credenze alla base delle nostre abitudini alimentari si fonda infatti su un paradosso: reagiamo ai diversi tipi di carne perché percepiamo diversamente gli animali da cui essa deriva. In modo inconsapevole abbiamo aderito al carnismo, l’ideologia violenta che ci permette di mangiare la carne solo «perché le cose stanno così».

    1
    giu

    La mattanza dei tonni a Carloforte in Sardegna

    Animal Equality realizza una nuova investigazione sotto copertura con diverse riprese video e numerose immagini, anche sott’acqua smascherando la mattanza dei tonni a Carloforte in Sardegna. Una pratica cruenta, che tra la fine di maggio e l’inizio di giugno di ogni anno causa la morte di migliaia di tonni rossi.

    Visita: http://www.LaMattanzadeiTonni.org

    Petizione: http://animalequality.it/petizione/aiutaci-a-fermare-la-mattanza-dei-tonni/

      21
      mag

      Paradossi logicamente animali

      di Ettore Brocca, Leonardo Caffo

      Il paradosso è diventato ormai ortodossia; gli uomini sguazzano placidamente nel paradosso come nel luogo comune. Non è il fatto che l’uomo pratico stia a testa in giù, il che alle volte può essere una stimolante per quanto sconcertante ginnastica;  è che a testa in giù ci sta a  meraviglia: ci dorme, perfino[1]
      Gilbert Keith Chesterton

       

      Introduzione

      Il Paradosso è una parola composta da due termini semplici: para che deriva dal greco antico – ‘παρα’ (para) – e vuol dire ‘contro’ e dosso -‘δόξα’ (doxa) – che vuol dire ‘opinione’. Il paradosso si costituisce come un ragionamento apparentemente convincente che conduce a conseguenze che contraddicono gli assunti stessi del ragionamento in questione; per questa ragione un paradosso è una conseguenza indesiderata di un ragionamento apparentemente efficace ma che – in realtà – si costituisce come contraddittorio.

      Ma cosa c’entrano il paradosso e la contraddizione con gli animali e la questione animale?

        23
        apr

        Dentro l’industria suinicola britannica

          25
          mar

          La Pasqua Cristiana

          Ad appena un mese di vita verrà strappato alla mamma e stipato in un tir per essere trasportato. Se sopravviverà al viaggio estenuante, senza cibo né acqua, arriverà nell’inferno del macello.

          Immobilizzato, stordito e infine sgozzato, morirà lentamente, per dissanguamento. Mentre ciò avviene gli altri agnellini assistono al massacro, percepiscono l’odore del sangue e attendono terrorizzati il loro turno, per essere poi uccisi allo stesso modo. Ogni anno 900.000 agnelli, tolti prematuramente alle proprie madri, vengono immolati per le tavole degli italiani, in nome della “tradizione”.

            25
            mar

            La bella, la bestia e l’umano – Sessismo, razzismo, specismo

            di Marco Maurizi – Il libro di Annamaria Rivera La bella, la bestia e l’umano. Sessismo e razzismo senza escludere lo specismo (Diesse, Roma 2010) costituisce un testo introduttivo sui rapporti tra l’oppressione di genere, la xenofobia e lo sfruttamento animale.

            Si tratta di temi che da tempo hanno assunto rilevanza nel dibattito culturale al di fuori dell’Italia ma che qui da noi stentano a trovare terreno fertile sia nell’attivismo di stampo “umanista”, sia, occorre dirlo, nell’attivismo animalista (dove la questione del razzismo e del sessismo sembra per lo più essere evocata in modo strumentale, cioè per giustificare la dignità della lotta in difesa degli animali, piuttosto che in quanto rilevante di per sé per fare un discorso più ampio sulle forme di discriminazione e oppressione dell’alterità).

              Liberazione animale
              Tutti noi non siamo responsabili solo di quello che facciamo, ma anche di quello che avremmo potuto impedire o che abbiamo deciso di non fare.
              Contenuti per tipologia
              Cerca:
              Ultimi commenti
              Laverabestia.org Network
              Laverabestia.org - Animal Video Community
              Sarcofagia.it is licensed under a Creative Commons License — Creazione e sviluppo by Gaspare MessinaLaverabestia.org Network