Category Archives: Antispecismo

9
dic

Nessuna gabbia più grande

Ogni anno nel silenzio più assoluto, miliardi di animali trovano la morte nei macelli di tutto il mondo. Per il mercato della carne e del pesce, latte, uova e formaggi, perdono la vita un’infinità di esseri senzienti, cioè con la capacità di provare sentimenti, di soffrire e gioire, di amare ed odiare, né più, né meno dei nostri animali da compagnia.

    2
    dic

    Essere vegano

    Chiunque abbia mai sentito seppur lontanamente  parlare di veganismo (e non veganesimo come  qualcuno si ostina  a  chiamarlo facendolo pericolosamente somigliare a una religione),  lo  definirebbe come uno stile di vita che non prevede l’uso di prodotti di origine animale. Anche molti vegani utilizzano tale definizione e questo, a nostro parere, sta diventando un problema serio, perché rappresenta un errore concettuale di rilevante importanza.

      26
      nov

      Una lettera da un mondo vegano

      Cari amici e compagni attivisti, in un momento in cui la maggior parte delle organizzazioni per i diritti degli animali sono attive a promuovere, difendere e premiare i prodotti di origine animale e i metodi di sfruttamento “umanitari”, vi scrivo da parte di tre individui beneficiari di tale pietà.

      Per l’industria, essi sono noti come unità di produzione numero 6, numero 35 e numero 67.595. Per il consumatore “compassionevole”, essi sono noti come etichette che ti fanno sentire bene: “Latte biologico”, “carne di vitello rosa”, “uova in libertà”. Per i difensori del benessere degli animali, essi sono noti come “alternative umanitarie”. Invece tra loro sono noti come madre, figlio, sorella e amico.

        25
        nov

        Essere liberi

        Quando ero piccolo pensavo che la libertà consistesse nel fare tutto quello che mi piaceva. E così mi ripetevo che da grande avrei girato il mondo cogliendo il piacere e fregandomene di tutte le regole. Nessuno era mai riuscito a spiegarmi che cosa fosse la libertà, a farmi cambiare idea.

        L’unica definizione che mi imponevano quasi come una stanca litania era quel vecchio motto semplicistico, a dire il vero anche un po’ridicolo: “la mia libertà finisce dove comincia la tua”.

          24
          nov

          Alcune considerazioni su specismo e antispecismo

          «Penso alle mucche, ai vitelli, al toro; capre e pecore e perfino […] all’umile maiale, come a rappresentazioni celesti: mansuete, dolorose sempre, benevole sempre, magnifiche. Non vedo perché l’uomo debba pensare che gli appartengono, che sono suoi propri, che può distruggerli, usarli. Concetto tra i più barbari e nefasti, da cui procede tutta la immedicabile violenza umana, l’essere micidiale della storia, la cui meta sembra solo l’accrescimento di sé, tramite il possesso e la distruzione dell’altro da sé. [… ] Più uccidiamo e più siamo uccisi. Più degradiamo e più siamo degradati». Anna Maria Ortese

          Il termine specismo è stato introdotto nel 1970 da Richard D. Ryder, psicologo inglese che ha ripudiato per motivi etici la sperimentazione animale, ed è stato reso popolare da Peter Singer nel suo libro Liberazione animale del 1975. Secondo Singer, specismo è:

            23
            nov

            Che cos’è lo Specismo

            Lo specismo è il motivo comune per discriminare un individuo sulla sola base della sua appartenenza ad una specie. Le basi sono le stesse di quelle di chi nutre dei pregiudizi sulla razza (razzismo) e sull’ appartenenza ad un sesso (discriminazione sessuale). Quando si parla della sofferenza umana, in quanto Homo Sapiens, e la si considera più grave della sofferenza di un animale, si è per così dire colpevoli di “specismo”.

              Sarcofagia.it is licensed under a Creative Commons License — Creazione e sviluppo by Gaspare MessinaLaverabestia.org Network