13
dic

Linguaggio e specismo – Tra Sapir Whorf e la questione animale

L’interdipendenza fra pensiero e linguaggio rende chiaro che le lingue non sono tanto un mezzo per esprimere una verità che è stata già stabilita, quanto un mezzo per scoprire una verità che era in precedenza sconosciuta. La loro diversità non è una diversità di suono e di segni, ma di modi di guardare il mondo.

Karl Kerenyi(1)

Partiamo da un celebre giudizio filosofico di Heidegger: «Il linguaggio è il linguaggio» (Die Sprache selbst ist die Sprache)(2). Questa affermazione è già una firma nella sua essenza tautologica; tuttavia è in grado di mostrarci la problematicità di una filosofia del linguaggio che possiamo definire, seguendo una dicotomia inflazionata, “continentale”. Volendo esplicitare la tautologia di Heidegger, senza forzare il messaggio attraverso un linguaggio che non gli appartiene, potremmo affidarci al poeta Paul Valery che ne La Pizia affermava che il linguaggio è tutto, in quanto non è la voce di nessuno, ma piuttosto la voce stessa delle cose, delle onde e dei boschi(3).

Perchè ricorrere ad un linguaggio poetante (per usare un termine squisitamente heideggeriano) per esplicitare una tautologia? Perchè è lecito pensare che Heidegger rintracciasse in quella tautologia il principio di ciò che definiva un «cammino verso il linguaggio»; in questo senso la mia breve analisi sarà un cammino “animalista”, che farà ricorso a Valery per esplicitare Heidegger.

Proviamo a combinare le due visioni: il linguaggio è un linguaggio che è la voce stessa delle cose, delle onde e dei boschi; questa visione rifiuta una riduzione del linguaggio a mera parola e propone invece una possibile estensione, se pur velata tramite la poesia, del concetto di espressione, non solo all’umano, ma anche alla natura tutta.

Sappiamo tutti, però, come il linguaggio quotidiano venga utilizzato e che il superamento descritto dalla mia lettura di Heidegger attraverso Valery è filosoficamente lontano. Il nostro parlare è fondato su una ontologia presupposta che, in qualche modo, ci colloca al di sopra di quelle cose, di quelle onde e di quei boschi di cui ci parlava l’autore de La Pizia.

Si parla spesso della disinformazione dell’opinione pubblica sulla reale condizione degli animali e della natura, eppure, qualcosa di questa condizione sembra essere conosciuto da tutti, ed è proprio il nostro linguaggio, fonte principale di espressione, a rivelarcelo. Al proposito consideriamo alcuni esempi illuminanti in lingua italiana (ma egualmente presenti in altre lingue) di quella che potremmo definire una funzione rivelatrice:. «Macello umano!», «Trattati come bestie!», «Tenuti come degli animali!», «Ti schiaccio come una zanzara!» sono solo alcune delle espressioni che appartengono al nostro linguaggio e che denotano un elemento su cui vale la pena riflettere; tutte queste espressioni hanno un’accezione negativa ed utilizzano come soggetti di riferimento gli animali non umani.

Se analizziamo parola per parola queste espressioni, non capiamo immediatamente perchè rimandano a qualcosa di negativo; è necessaria un’analisi più approfondita. Prendiamo, ad esempio, l’espressione

(a) “trattati come bestie” (4),

che, se parafrasata, ci sta semplicemente informando che qualcuno ha ricevuto lo stesso trattamento che normalmente si riserva agli animali. In altri termini, se interpretata nella sua genericità, questa affermazione assume un senso “neutro”, non rimanda cioè a quel significato che comunemente le verrebbe attribuito da una comunità di parlanti. Cosa vuol dire, dunque, essere trattati come bestie? Significa essere trattati male, con disprezzo e crudeltà, senza alcuna forma di rispetto e attenzione. Appare evidente, allora, che la parola “bestia”, apparentemente neutra, sottintenda invece, celandolo, qualcosa di reale sulla violenza esercitata ai danni di questi esseri viventi. Il linguaggio si svela, mostrandoci quell’ontologia profonda su cui è costruito.

Affinchè (a) possa essere realmente capita da un parlante in italiano, deve accadere un fatto filosoficamente non indifferente: un disvelamento, nella coscienza di quello stesso parlante, dell’ontologia negativa nei confronti degli animali intrinseca al nostro linguaggio. Ma per far questo è necessario conoscere il trattamento realmente riservato alle bestie che utilizziamo nel paragone.
Espressioni come (a) esemplificano solo una piccola porzione del vocabolario.

Note:

1    Karl Kere’nyi, Dionysos, Frankfurt 1935. trad. it. Dioniso. Archetipo della vita indistruttibile, trad. it. Di V. Rota, Adelphi, Milano 1992.

2    Martin Heidegger, In cammino verso il linguaggio, trad. it. di A. Caracciolo, Mursia, Milano 1990, p. 29.

3    «Il linguaggio è tutto, perchè esso non è la voce di nessuno, perchè è la voce stessa delle cose, delle onde e dei boschi», citato in Mauro Senatore, «Della parola cherubica», in Gianfranco Lacchin (a cura di), Lettera di Lord Chandos, Mimesis, Milano 2007.

4    Per un’interessante analisi di un’espressione simile, “trattati come animali”, cfr. Carol J. Adams, «La guerra sulla compassione» in Massimo Filippi e Filippo Trasatti (a cura di), Nell’Albergo di Adamo. Gli animali, la questione animale e la filosofia, Mimesis, Milano 2010, pp. 28–31.

di Leonardo Caffo - http://www.liberazioni.org/articoli/CaffoL-02.pdf
    Vedi anche:
    Sarcofagia.it is licensed under a Creative Commons License — Creazione e sviluppo by Gaspare MessinaLaverabestia.org Network